Il Vangelo della domenica Notizie

Solennità di Tutti i Santi

1 NOVEMBRE 2020 – SOLENNITÀ DI TUTTI I SANTI

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 5,1-12a

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:

«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».


COMMENTO AL VANGELO

La festa di quelli che hanno “fatto goal”

Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Matteo 5,1-12

La Chiesa celebra la santità proclamando le beatitudini, e questa appare impastata di povertà, di lacrime, di fame, di sete e persino di persecuzione. Non sembra ci sia molto di desiderabile.

Questa reazione corrisponde all’idea comune di santità che è un po’ di cartapesta, fatta di cose che sanno di acqua santa, di abnegazione stucchevole, di atteggiamenti fuori dal reale, belli quanto ti pare, ma chi ce la fa? 

Bisogna ricordare che prima delle vagonate di santi canonizzati dagli ultimi Papi, che hanno reso la santità più vicina e meno astratta, venivamo da secoli in cui la normale maniera di intendere i santi portava a identicarli in quanto portatori di qualità umane straordinarie: dovevano essere tipi eccezionali nei quali si vedeva sin da piccoli che sarebbero finiti al di qua di un porta-moccoli a fare le statue nelle nicchie delle chiese. La santità, sicuramente ammirabile, era comunque roba poco praticabile a meno di non essere dotati per nascita di fegato impavido e bile sotto controllo.

Eppure il testo che la Chiesa proclama è un martello e ripete sempre la stessa parola, ossessivamente, parola che in genere diventa un rumore di fondo e resta sotto alle altre cose che vengono dette. La parola è: «beati». Nove volte, a inizio di ogni frase. Le regole della comunicazione dicono che la cosa più ripetuta, in genere, se non è la più importante, comunque è centrale. La parola “beato”, al di là delle interessanti etimologie che porta in sé, è potentemente collegata alla felicità, al godimento. 

Gesù inizia il più magniloquente dei suoi discorsi, che si dipanerà per ben tre capitoli del Vangelo di Matteo, ripetendo nove volte l’argomento: la felicità. Non è venuto a portare robe da sacrestia, ma la gioia, l’allegria, l’esultanza. Un santo è uno che ha fatto goal. È uno che ha trovato la strada dell’allegria. Infatti la Chiesa prima di proclamare un santo lo deve riconoscere beato, persona arrivata all’esultanza.

UNA QUESTIONE DI PIACERE.

La santità non è una questione di dovere, ma di piacere. Quello vero, quello che non passa, che vale la pena di andarsi a prendere.

Oggi c’è tanta gente in giro che scimmiotta la felicità, che finge la gioia. Un mare di falsa allegria, fatta di sballi, di esagerazioni, di auto-affermazioni, di sconfitte altrui, di trasgressioni. E di vuoto. Perché queste cose bruciano tutto e lasciano nel nulla, e costringono a ripetere, ancor di più, aumentando il rischio, la dose, la spinta. Per arrivare allo svuotamento totale.

A questa falsa gioia si oppone la mediocrità del profilo basso, della vita fatta di sicurezze e comodità, e tanto grigiore. La santità è colore, è passione, è grandezza, è bellezza. È quello che desiderano un ragazzo e una ragazza quando si sposano, è quello che desidera un bambino quando respira a pieni polmoni le sue aspirazioni sognanti, e speriamo che non le perda mai. È andare diritti al bersaglio e arrivare alla meta della vita: aver imparato ad amare e farlo, tanto. 

Felicità vera, quella che ha una sola sorgente: l’amore vero.

NORME DI SICUREZZA

LITURGIA DEL GIORNO

SUORE PASSIONISTE

COMUNITÀ MADRE DELLA CHIESA

Via del Tricolore, 1