Notizie

Creati per edificare un mondo migliore

[Gesù disse]: «Mostratemi la moneta del tributo» Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

Matteo 22,15-21

Il brano del Vangelo di oggi mostra Gesù che, a prima vista, si scontra con i farisei per un banale problema di tasse. In realtà, le tasse non c’entrano nulla! Piuttosto, è in gioco una domanda ben più radicale: a chi apparteniamo? A chi fa riferimento la nostra vita? Alla famiglia, agli amici, alla società, alla scuola, al lavoro, alla politica, allo Stato? Tu appartieni a Dio, risponde Gesù! È lui che ti ha dato tutto quello che sei e che hai. Questo, più profondamente, emerge dal “faccia a faccia” tra Gesù e i suoi interlocutori che, evidentemente, seguono logiche molto diverse dalla sua.

La proposta di Gesù è condensata in un’espressione ricorrente anche fuori dai contesti religiosi: «Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». Una risposta suscitata da una domanda che, in realtà, mirava a mettere in difficoltà Gesù di fronte all’autorità romana.

BANALE QUESITO O UNA TRAPPOLA? «È lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?», un quesito non certo originale; esso circolava normalmente tra la gente del luogo, suscitando pareri differenti: gli erodiani erano favorevoli, i farisei (con motivazione religiosa: ogni autorità viene da Dio) pure, gli zeloti invece negavano la liceità del tributo («uno solo è il Signore»).

Per Gesù, però, il banale quesito poteva trasformarsi in una trappola: se avesse risposto «sì», si sarebbe mostrato un collaborazionista; se avesse risposto «no», un sovversivo. In entrambi i casi, sarebbe stato perseguibile o si sarebbe screditato con una parte della popolazione.

Ma Gesù non risponde direttamente all’interrogativo e coglie invece l’occasione per proporre un insegnamento basilare. La domanda a lui rivolta si potrebbe tradurre così: l’uomo è tenuto a dare la sua attenzione e a investire le sue energie in esigenze umane (il «tributo a Cesare») o deve invece orientare tutte le sue forze a Dio? La risposta di Gesù («Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio») anzitutto esclude sterili contrapposizioni, orientando verso un equilibrio su cui deve poggiare la nostra vita. Non servono separazioni ingiustificate e strumentali tra servizio a Dio e impegno sociale.

A IMMAGINE DI DIO. «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?», chiede Gesù. Il riferimento all’iscrizione dice che è giusto sentirsi a pieno titolo – con diritti e doveri – cittadini dello Stato; ma è ugualmente importante rispettare un’altra iscrizione, presente in ogni uomo: l’immagine di Dio impressa nel nostro essere.

Un’immagine che domanda di essere tradotta in gesti e scelte concrete. Dunque, «…a Cesare ciò che è di Cesare», ma aggiungendo «…e a Dio quel che è di Dio» Gesù ci invita, con le scelte di ogni giorno, a restituire noi stessi al Creatore. E la via giusta per questa “restituzione” – sul modello di Gesù stesso – è quella di farci dono per gli altri.

ORARIO SS. MESSE

FESTIVI Ore 11:00 – Ore 19:00
FERIALI Ore 18:00

ADORAZIONE EUCARISTICA

CALENDARIO

aprile 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
  • Pasqua di Resurrezione
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30