Il Vangelo della domenica Notizie

XI Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

12 GIUGNO 2016 – XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Lc 7,36-8,3
Sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo.

Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».

Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene».

E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco».

Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».

In seguito egli se ne andava per città e villaggi, predicando e annunciando la buona notizia del regno di Dio. C’erano con lui i Dodici e alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni.

Parola del Signore.


COMMENTO AL VANGELO

Nella undicesima domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci propone il Vangelo in cui Gesù, pranzando nella casa di un fariseo, si lascia lavare e baciare i piedi da una peccatrice. Gesù guardando la donna e rivolgendosi al fariseo che riprova il suo gesto afferma:

“Le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco”.

“La gratitudine e la riconoscenza a Dio sgorgano nell’anima di chi ha gustato il suo Amore e trasformano radicalmente il modo di vivere di chi è perdonato, com’è accaduto alla donna che, nel Vangelo odierno, bacia i piedi di Gesù. Ma tale esperienza non è né automatica né immediata, richiede un cammino che coinvolge la nostra libertà e l’agire della Chiesa. È necessario, infatti, previamente, il pentimento e l’ammissione  del male commesso, e, ancor prima, la percezione delle proprie mancanze.

Fondamentale è il ruolo della profezia che illumina il cuore e dà consapevolezza della colpa, come avvenne al Re Davide che avvertì le iniquità commesse solo quando il profeta Natan gliele denunciò con franchezza. Questa franchezza profetica è importante, oggi, per l’evangelizzazione, nessuno in effetti, può accogliere il Kerigma se non è aiutato a riconoscere e odiare “le proprie tenebre”, aprendosi così alla vita nello Spirito.

La capacità d’illuminare il male nascosto costituisce un’opera di misericordia vera, una delle più difficili, perché il demonio si oppone al coraggio di chi annuncia, tentando quest’ultimo con il timore per il possibile rifiuto, il cosiddetto “rispetto umano”.

Chiediamo al Signore di saper accogliere chi ci scomoda correggendoci, e la libertà di amare con verità ogni persona, perché la nostra misericordia non sia “pelosa” o “dolciastra”.

(Da Radio Vaticana)

ORARIO SS. MESSE

FESTIVI Ore 11:00 – Ore 19:00
FERIALI Ore 18:00

ADORAZIONE EUCARISTICA

CALENDARIO

giugno 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30