Il Vangelo della domenica Notizie

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo – Anno C

29 MAGGIO 2016 – SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO

Lc 9,11-17
Tutti mangiarono a sazietà

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.

Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta».

Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». C’erano infatti circa cinquemila uomini.

Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». Fecero così e li fecero sedere tutti quanti.

Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla.

Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

Parola del Signore


COMMENTO AL VANGELO

Nella solennità della Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, la liturgia ci propone  il Vangelo in cui Gesù sfama la folla a partire da cinque pani e due pesci:

“Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà”.

La “Frazione del Pane” è uno dei nomi che i nostri fratelli nella fede utilizzarono, nel primo secolo cristiano, per la celebrazione eucaristica, ma al contempo indica, in tale contesto, un importante gesto liturgico, previo all’assunzione delle Sacre Specie, e fa presente l’amore di Nostro Signore, che non ha esitato a “spezzarsi per noi”.

Portando su di sé il castigo per i nostri peccati fino alla morte, infatti, Egli ha rivelato, risorgendo, l’intenzione più autentica del cuore di Dio: la misericordia per chi cade e la benevolenza perfino a chi è ostile o tradisce, in vista di una piena riabilitazione di ogni persona chiamata alla santità. Questa natura divina, che sa soffrire per l’amato, ci viene offerta nell’annuncio della vittoria, in Cristo, del bene umiliato dal male. È il kerigma che si fa carne in noi e, mediante l’Iniziazione cristiana, ci fa Chiesa facendo pure di noi, Corpo e Sangue di Cristo, sue membra.

Adorare questa presenza, anche fuori del culto eucaristico, e credere che questo dono si compia realmente in noi, sono atti di fede che possono vivificare, inoltre, coloro che, per diverse circostanze della vita, non fossero in grado di accostarsi ai sacramenti.

Alziamo lo sguardo al Salvatore invocando il suo Nome, la sua Carità ci renderà capaci di “spezzarci” per il prossimo e di far brillare la vita eterna che già opera in noi.

(Da Radio Vaticana)

ORARIO SS. MESSE

FESTIVI Ore 09:00 – Ore 19:00
FERIALI Ore 19:00

ADORAZIONE EUCARISTICA

CALENDARIO

settembre 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30