Il Vangelo della domenica Notizie

Domenica di Pentecoste – Anno C

15 MAGGIO 2016 – DOMENICA DI PENTECOSTE

Gv 14,15-16.23-26
Lo Spirito Santo vi insegnerà ogni cosa

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre.

Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Parola del Signore


COMMENTO AL VANGELO

Nella solennità di Pentecoste, la liturgia ci propone  il Vangelo in cui Gesù dice che pregherà il Padre che invierà un altro Paràclito perché rimanga per sempre con i discepoli:

“Il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto”.

Il tempo pasquale giunge al suo compimento, la Resurrezione di Cristo ottiene il frutto più prezioso: la divinizzazione dell’uomo mediante il Dono dei doni, lo Spirito Santo effuso sulla Chiesa nascente. Per cinquanta giorni i credenti hanno preparato questa solennità, vegliando con Maria, confortati dalla presenza del Risorto.

Il dolce ospite dell’anima ci corrobora con i suoi sette carismi: sapienza, intelligenza, consiglio, fortezza, conoscenza, pietà e timore di Dio. Egli sana ciò che sanguina, raddrizza ciò che è contorto, modera ogni rigidità. È il Maestro interiore che guida alla Verità tutta intera, testimonia la figliolanza divina e, fugando ogni rispetto umano, infiamma di zelo gli evangelizzatori. Impariamo ad accogliere lo Spirito mite e vivificante, impariamo a difenderlo dagli assalti del tentatore che fa guerra solo a coloro che lo possiedono, per spingerli ad allontanarlo contristandolo.

Impariamo, pure, ad invocare il suo ritorno mediante la confessione sacramentale quando nel combattimento quotidiano siamo vinti dal peccato. Il giusto, infatti, pecca molte volte al giorno, ma continuamente confida nel perdono che fa rinascere.

Il soldato di Cristo ferito al fronte, è degno di essere accolto con onore e senza vergogna nell’ospedale da campo, per tornare a dare la vita, rigenerato dalla Misericordia.

(Da Radio Vaticana)

ORARIO SS. MESSE

FESTIVI Ore 11:00 – Ore 18:00
FERIALI Ore 18:00

ADORAZIONE EUCARISTICA

CALENDARIO

ottobre 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31