Il Vangelo della domenica Notizie

V Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

07 FEBBRAIO 2016 – V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Lc 5,1-11
Lasciarono tutto e lo seguirono.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.
Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare.
Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini».
E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

Parola del Signore


COMMENTO AL VANGELO

Nella quinta Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci presenta il Vangelo in cui Gesù invita Pietro e i discepoli a prendere il largo e gettare le reti per la pesca. Pietro risponde:

«Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano.

L’evangelista Luca, dopo aver raccontato numerose guarigioni compiute da Gesù a Cafarnao, ci presenta oggi una folla che fa ressa attorno a lui per ascoltare la sua parola. In particolare ci propone due segni, due parole importanti per la sua missione: la pesca miracolosa e la chiamata dei primi discepoli. E’ importante che anche noi accompagniamo questi futuri apostoli per ricevere, insieme con loro, la parola del Signore. Simone ed i suoi compagni hanno faticato inutilmente tutta la notte, senza pescare nulla; ma non è un caso, questo fallimento li prepara ad accogliere la parola del Signore: “Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca”. Obbediscono, forse più per l’autorevolezza di chi parla che per altro! E le reti si riempiono di pesci fin quasi a rompersi. Insieme ai compagni di un’altra barca, chiamati subito in aiuto, mettono al sicuro il pesce. Poi Simon Pietro, pieno di stupore per l’accaduto, si butta in ginocchio dicendo: “Signore, allontanati da me che sono un peccatore”. Pronta arriva la risposta di Gesù che consacra totalmente la sua vita e la vita di coloro che sono con lui: “Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini”. E, “tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono”. Nella fede, anche noi siamo oggi testimoni del segno compiuto da Gesù con la pesca miracolosa, e la sua chiamata coinvolge ognuno di noi: “Non temere…”! Ogni battezzato è un chiamato da Dio a diventare “pescatore di uomini”; non si dà cristiano muto, diceva il Beato Papa Paolo VI. Il battesimo ci costituisce “sacerdoti, re e profeti”, testimoni, per il dono dello Spirito Santo, della stessa missione di Cristo di fare degli uomini dei figli di Dio.

 

(Da Radio Vaticana)

ORARIO SS. MESSE

FESTIVI Ore 11:00 – Ore 19:00
FERIALI Ore 18:00

ADORAZIONE EUCARISTICA

CALENDARIO

aprile 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
  • Pasqua di Resurrezione
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30