Il Vangelo della domenica Notizie

XXIX domenica del Tempo Ordinario – Anno B

18 OTTOBRE 2015 – XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Mc 10,35-45
Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».
Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Parola del Signore.


COMMENTO AL VANGELO

Nella 29.ma Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci presenta il Vangelo in cui Giacomo e Giovanni chiedono a Gesù di sedere nel regno dei cieli uno alla sua destra e l’altro alla sua sinistra. Di fronte all’indignazione degli altri apostoli, il Signore risponde:

“Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti”.

La Chiesa celebra questa domenica la sua 89.ma Giornata Missionaria, invitando tutti i cristiani alla preghiera e al coinvolgimento fattivo nell’evangelizzazione, frutto maturo del Battesimo. Il Vangelo ci rivela qualche cosa di Dio e di Gesù Cristo molto importante. Questo è ciò che la Parola di Dio fa primariamente: mostrarci qualche cosa del volto di Dio, parlarci di Dio, e non venirci a dire cosa fare o non fare, questo viene soltanto dopo. Giacomo e Giovanni – e non si sa bene a quale titolo – si avvicinano a Gesù per chiedere i primi posti accanto a lui, nel suo regno. Gesù rivela loro la logica di Dio, cioè la via della croce, la via del “dono di sé”. Alla gloria di Dio, a Dio, si giunge passando per l’ultimo posto, non per il primo, secondo la logica delle conquiste umane, che sono sempre oppressive: “Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti”. E Gesù, per evitare ogni equivoco, usa la parola “schiavo”, una parola proprio non politically correct, e a quel tempo la parola suonava in tutta la crudezza della verità delle cose, era una parola che faceva paura. Ma questo “farsi ultimo”, “farsi schiavo”, “farsi dono” è tipico dell’amore di Dio verso l’uomo: “Anche il Figlio dell’uomo non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti”. L’Eucaristia, a cui oggi partecipiamo, è il dono di Dio all’uomo, ci invita ad accoglierlo per fare anche di noi un dono agli altri, per farci “missione”.

(Da Radio Vaticana)

 

ORARIO SS. MESSE

FESTIVI Ore 11:00 – Ore 19:00
FERIALI Ore 18:00

ADORAZIONE EUCARISTICA

CALENDARIO

maggio 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31